Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
consolato_osaka

FAQ

 

FAQ

DOMANDE PIU' FREQUENTI (FAQ)

Quali traduzioni vengono eseguite direttamente dal Consolato?
Compatibilmente con le altre esigenze e priorita’ generali dell’ufficio, il Servizio Traduzioni/Interpretariato di questo Consolato Generale provvede direttamente alle traduzioni e alle relative certificazioni di conformita’ dei seguenti documenti:

  • atti di stato civile per la trascrizione presso un Comune italiano
  • documentazione sanitaria da presentare al SSN per gli aventi diritto all’assistenza indiretta
  • certificati penali
  • titoli di studio per il riconoscimento ai fini professionali
  • specifiche richieste provenienti da organi giudiziari o altre Autorita’
  • documenti di particolare rilevanza per l’interesse italiano
  • documenti connessi alla gestione di situazioni di emergenza



Come si fa ad essere inseriti nell’elenco dei traduttori di riferimento ?
L'elenco dei traduttori di riferimento
e' composto dai nominativi di quei traduttori professionali che hanno fatto esplicita richiesta di esservi inseriti.

I traduttori iscritti in tale elenco possono far autenticare la propria firma presso il Consolato Generale in calce ai verbali alle dichiarazioni di conformita' delle proprie traduzioni.

Per l’inserimento nell’elenco e’ richiesta, nel caso dei cittadini italiani una dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorieta' o, nei casi di cittadini stranieri l’esibizione di un atto notarile giapponese, completo di apostille, che contenga la seguente dichiarazione dell’interessato:

“Dichiaro sotto giuramento di esercitare la professione di traduttore per le lingue italiana e giapponese (e/o altra lingua)”.

La lista è meramente indicativa e non implica alcuna valutazione da parte del Consolato Generale in merito all’operato dei predetti professionisti.

Poiche’ l’elenco dei traduttori e’ reso pubblico dal Consolato Generale a beneficio di quanti decidano di avvalersene, la richiesta di essere inseriti nella lista e’ intesa come un’autorizzazione alla divulgazione dei dati personali dell’interessato. 


Qual è la moneta giapponese?

Quali sono le carte di credito accettate in Giappone?

È necessario il visto per entrare in Giappone?

Qual è la differenza di fuso orario tra Italia e Giappone?

Qual è il clima giapponese? 

Quali sono i prefissi per telefonare in Giappone dall'Italia e viceversa?

Quali sono i numeri di emergenza?  

È possibile utilizzare i telefoni cellulari italiani in Giappone?

Quali sono gli orari di apertura di banche e negozi?

Qual è il voltaggio in uso in Giappone? 

Qual sono le principali norme di guida in Giappone?

Quali sono i limiti di velocità su strade e autostrade giapponesi?

Quali sono le principali arti tradizionali giapponesi? 

Quali sono i principali cibi tradizionali giapponesi? 

Quali sono le principali bevande tradizionali giapponesi?

Esiste la possibilità di lavorare al Consolato Generale d'Italia in Osaka?

Esiste la possibilità di effettuare uno stage presso il Consolato Generale d'Italia in Osaka?

Esistono giornali in inglese in Giappone?


Per informazioni riguardanti il Giappone consultare anche la scheda visitatori temporanei.
Per informazioni riguardanti Osaka consultare la scheda stabilirsi ad Osaka.


Per ulteriori informazioni sull'attivita' del Ministero degli Affari Esteri, consultare la pagina "Domande frequenti" del sito del Ministero degli Affari Esteri.

Domande più frequenti (FAQ) Moneta
La moneta giapponese è lo yen, internazionalmente riconosciuta e valutata sui principali mercati. Per visualizzare l’attuale cambio cliccare QUI.

Domande più frequenti (FAQ) Carte di credito
Le più importanti carte di credito internazionali sono accettate negli alberghi e nei principali esercizi. Inoltre, è possibile farne uso per l'acquisto di biglietti aerei e, in taluni casi, ferroviari, nonchè per il pagamento dei taxi. Gli uffici postali principali dispongono di sportelli (ATM) dedicati al prelievo di contanti con carte di credito straniere.

Domande più frequenti (FAQ) Visto
In virtù delle ottime relazioni tra i due paesi, le autorità giapponesi non richiedono il visto per cittadini italiani che intendono soggiornare in Giappone per turismo, per un periodo inferiore a 90 giorni. Il visto è necessario in casi di soggiorni di durata superiore a 90 giorni o per motivi diversi dal turismo.

Domande più frequenti (FAQ) Fuso orario
La differenza di fuso orario tra Italia e Giappone è di 7 ore in estate e 8 ore in inverno. Il Giappone non adotta l'ora legale.

Domande più frequenti (FAQ) Clima
Poiché il Giappone è un arcipelago che si estende per oltre 3000 km da nord a sud, il suo clima varia molto e si passa da zone con clima sub-artico (Hokkaido) a zone con clima sub-tropicale (Okinawa). Nella regione di Honshu, l’inverno è generalmente rigido mentre l’estate è afosa, con un’altissima percentuale di umidità. Quest’ultimo fattore è accentuato durante la stagione delle piogge (tsuyu, giugno e luglio).

Domande più frequenti (FAQ) Prefissi
Per chiamare il Giappone dall’Italia il numero da comporre è 0081, seguito dal prefisso (senza lo zero iniziale) e dal numero che si intende raggiungere. Per chiamare l’Italia dal Giappone il numero da comporre è 01039, seguito dal prefisso (incluso lo zero iniziale) e dal numero che si intende raggiungere. 
Sono in commercio numerose schede internazionali, acquistabili presso i Convenience Store.

Domande più frequenti (FAQ) Numeri di emergenza
I numeri da chiamare in caso di emergenza sono il 119 per contattare l'Ambulanza o i Vigili del Fuoco e il 110 per la Polizia.

Domande più frequenti (FAQ) Telefoni cellulari
Il sistema GSM utilizzato in Europa è incompatibile con quello giapponese. Tuttavia, è possibile utilizzare in Giappone la scheda SIM del proprio telefono cellulare italiano affittando un apparecchio telefonico cellulare all’arrivo, in uno dei negozi di telefonia mobile presenti nei principali aeroporti, e inserendovi la propria scheda SIM. Per le schede SIM della TIM, recarsi allo stand DOCOMO (si rammenta che solo i negozi DOCOMO presenti negli aeroporti internazionali forniscono tale servizio); per quelle della Vodafone, recarsi all'omonimo stand. Si suggerisce di effettuare una prenotazione via internet (sul sito web DOCOMO e della Softbank), per accertare la disponibilità degli apparecchi. Per quanto riguarda le schede SIM della Wind, è possibile farsi recapitare il telefono cellulare in Italia prima della partenza, dopo aver avviato la relativa procedura attraverso il sito web Wind. Circa le schede SIM della 3, si consiglia di rivolgersi ad un negozio 3 e chiedere delle possibili opzioni.
Esistono telefoni cellulari giapponesi utilizzabili con schede prepagate locali, acquistabili a prezzi ragionevoli presso i numerosi negozi delle varie compagnie di telefonia mobile principali.

Domande più frequenti (FAQ) Orari di banche e negozi
Gli orari di apertura al pubblico degli sportelli bancari è dalle ore 9 alle ore 15, dal lunedì al venerdì. I negozi sono generalmente aperti dalle ore 10 alle ore 18/19 con chiusura infrasettimanale poiché spesso non viene effettuata la chiusura domenicale.

Domande più frequenti (FAQ) Voltaggio
In Giappone il voltaggio elettrico è di 100V, 50/60Hz. Le spine sono di tipo A ed a 2 fori. Qualora si intendano utilizzare strumenti elettrici portati dall'Italia è indispensabile utilizzare un trasformatore di corrente o un commutatore elettrico.

Domande più frequenti (FAQ) Guida
La guida in Giappone è sul lato opposto di quella italiana, ovvero come quella anglosassone. Esiste un Accordo Internazionale Bilaterale tra Italia e Giappone (2003), per cui, qualora si possegga la residenza in Giappone, è possibile effettuare la conversione della propria patente ottenuta in Italia, senza esami e in conformità alla Tabella di equipollenza Giappone-Italia, che stabilisce la corrispondenza delle categorie di patenti giapponesi alle categorie di patenti italiane.

Domande più frequenti (FAQ) Limiti di velocità
I limiti di velocità in Giappone sono 40km/h nei centri urbani e 80/100 km/h in autostrada.

Domande più frequenti (FAQ) Arti
Le arti tradizionali giapponesi sono pittura, ceramica, scultura, calligrafia e teatro (No, Kabuki, Kyogen e Bunraku). Esistono, inoltre, eccellenti forme artistiche come la cerimonia del tè, l’ikebana, i bonsai, i giardini zen e numerose forme di artigianato d'alto livello.

Domande più frequenti (FAQ) Cibi
Cibi tradizionali giapponesi sono: sushi (pesce crudo su base di riso), sashimi (pesce crudo tagliato a fettine), misoshiru (zuppa a base di pasta di soia), soba, udon e ramen (simili agli spaghetti, si mangiano in versioni sia fredde sia calde), shabushabu e sukiyaki (verdure, carne e tofu serviti in una grande pentola), tempura (crostacei e verdure fritti), tofu (simile al formaggio, ma derivato dai fagioli di soia), onigiri (palle di riso condito in diverse maniere). Si mangia usando bastoncini di legno (hashi).

Domande più frequenti (FAQ) Bevande
La tipica bevanda giapponese è il tè, del quale esistono numerose varietà. Il tè verde è particolarmente famoso. Comuni sono il sake, un liquore derivato dal riso e dal malto, e il shōchū, del quale esistono numerose varietà (derivate da grano, cereali, patate, zucchero, sciroppo). Esistono diverse varietà di birra locale.

Domande più frequenti (FAQ) Lavorare in Consolato
Il personale assegnato alle Rappresentanze diplomatiche e consolari proviene dai ruoli organici del Ministero degli Affari Esteri. Gli impiegati assunti in loco svolgono mansioni di traduzione/interpretariato, collaborazione in campo commerciale/consolare, segreteria, centralino, autista. Tali assunzioni avvengono sulla base di concorsi pubblici, annunciati su queste pagine e sulla stampa locale. Per poter partecipare a tali prove, i cittadini italiani devono dimostrare di risiedere in Giappone da almeno due anni (secondo l’attuale normativa ministeriale) e di avere una conoscenza approfondita della lingua e della cultura locale. Non è prevista la possibilità di instaurare rapporti di "collaborazione esterna" con privati. Per maggiori informazioni si consiglia di consultare il sito internet del Ministero degli Affari Esteri.

Domande più frequenti (FAQ) Stage in Consolato
Il MAE, attraverso l'Istituto Diplomatico e in collaborazione con la Fondazione CRUI (Conferenza dei Rettori delle Università Italiane), offre a giovani laureandi e laureati (da non piu' di 18 mesi) la possibilità di effettuare uno stage formativo nelle varie istituzioni italiane all’estero, tra le quali vi sono l’Ambasciata d’Italia a Tokyo, il Consolato Generale d'Italia in Osaka e l’Istituto Italiano di Cultura in Tokyo. Il programma rappresenta un'importante iniziativa che avvicina il mondo accademico e il mondo del lavoro (nella fattispecie quello della diplomazia e delle relazioni internazionali) offrendo a neo-laureati, laureandi e a studenti di Master la possibilità di effettuare un periodo di formazione presso il Ministero, le sue rappresentanze diplomatiche, gli uffici consolari, le rappresentanze permanenti presso le organizzazioni internazionali e gli Istituti di Cultura. I tirocinanti potranno, così, approfondire la propria formazione. Per maggiori informazioni si consiglia di visitare la sezione "Opportunità di stage e di lavoro" del sito web del Ministero degli Affari Esteri e il sito internet della CRUI.


Domande più frequenti (FAQ) Esistono giornali in inglese in Giappone?
I principali quotidiani nazionali giapponesi hanno una edizione in lingua inglese. Per consultare la versione on line cliccare:

Asahi
Yomiuri
Japan Times 


83